La finanziaria 2008

Ogni volta che il governo presenta la legge finanziaria annuale mi pongo la domanda: a quando uno strumento più moderno per elaborare un bilancio preventivo della spesa pubblica? possibile che non si riesca a ispirarsi ai modelli d’Oltralpe?

La seconda considerazione riguarda l’interazione con il sistema fiscale. Ogni stato lega il proprio bilancio alle scelte in materia impositiva. Uno stato laico e socialmente attento non può avere esitazioni, nell’accordare la preferenza a una tassazione diretta e progressiva. Proprio su questo il governo Berlusconi aveva mostrato il fianco: ancora nell’ultimo anno pieno della legislatura, con decretazione primaverile del 2005 aveva inasprito una ventina di imposte indirette. C’era da domandarsi se il passaggio successivo sarebbe stato il ritorno alla tassa sul macinato della destra storica…

Continua a leggere

Annunci